Domenica 20 maggio

7° memorial don Claudio Sacco

Nella chiesa di Sedico

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Nel pomeriggio di domenica 20 maggio si è tenuto nella chiesa parrocchiale di Sedico il 7° memorial don Claudio Sacco; una manifestazione promossa dagli “Amici di don Claudio” per ricordare il loro parroco, appassionato compositore di musica liturgica, morto tragicamente il 2 dicembre 2009 sul monte Pore.
Alla rassegna – ospitata dalla Schola Cantorum di Sedico, diretta dal maestro Saverio De Cian, e presentata da don Sergio Sacco, fratello di don Claudio – hanno partecipato i Cori di Bolzano Bellunese (maestro Daniela Casagrande), di Caviola (maestro Attilio Costa), di Seren del Grappa (maestro Marino Scopel), di Soranzen (maestro Rudi Bortolas) e la Schola Cantorum di Vigo di Cadore (maestro Silvio De Donà). Nel repertorio di ciascuna corale è stato incluso un brano tratto dal volume “Cantiamo al Signore”: una raccolta di composizioni ed arrangiamenti di don Claudio, curata dal maestro Alessandro De Michieli, della parrocchia di Mas-Peron dove don Claudio esercitava il suo ministero.

Nel suo intervento, Flavio Reolon, coordinatore del gruppo “Amici di don Claudio”, ha ricordato come nelle varie edizioni del Memorial si siano esibiti oltre trenta cori della diocesi, per un totale di circa 800 coristi. Una rassegna, dunque, unica nel suo genere, che in futuro sarà aperta anche alle parrocchie della provincia che dipendono dalle diocesi di Padova e di Vittorio Veneto.

Presenziando al concerto, il vescovo emerito mons. Andrich ha voluto dedicare un pensiero riconoscente al maestro Antonio Carlin, recentemente scomparso, organista e grande diffusore della musica, mentre il parroco di Sedico, don Cesare Larese, si è soffermato sull’amicizia che lo legava a don Claudio.

A conclusione, tutti i coristi riuniti assieme e con la direzione del maestro Saverio De Cian, hanno eseguito il canto “Santa Maria del cammino”, composto dallo stesso don Claudio per la dedicazione della nuova chiesa parrocchiale di Mas.

Luciana Carlin