Venerdì 25 maggio

Buon compleanno, don Renato!

Gli auguri al Vescovo nel giorno del suo 60° compleanno

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

«II sole sorge e il sole tramonta,
s’affretta verso il luogo da dove risorgerà.
Il vento soffia a mezzogiorno, poi gira a tramontana
gira e rigira e sopra i suoi giri il vento ritorna.
Tutti i fiumi vanno al mare,
eppure il mare non è mai pieno:
raggiunta la loro mèta,
i fiumi riprendono la loro marcia» (Qoèlet 1,5-7).

Oggi facciamo festa per il dono della Sua vita, carissimo vescovo Renato. La nostra Chiesa dà lode a Dio per Lei, per tutti i doni che il Signore Le ha concesso in questi anni di vita e di servizio pastorale e che ora condivide con questa terra e questa gente.

Le parole del Qoèlet siano il nostro augurio: sempre e comunque il Signore ci indica un passo possibile, che supera la nostra umanità, a volte debole e affaticata, altre volte gioiosa e serena. Il Signore ci concede sempre la possibilità di fare un passo avanti. La vita di ciascuno avanza su sentieri qualche volta pianeggianti, altre volte scoscesi, su strade tortuose che spesso si ripiegano su se stesse. La Parola di Dio con fiducia usa l’immagine del vento, che gira e rigira e sopra i suoi giri ritorna. La vita è davvero un tenace cammino, accompagnato dall’opera paziente e misericordiosa di Dio, che ci sostiene, si siede accanto a noi e – se necessario – ci aspetta, come Gesù al pozzo di Sicar. A nessuno il Signore chiederà conto della meta raggiunta, ma ci chiederà conto invece di quanto siamo stati in cammino con tutti noi stessi e con tutta la nostra umanità.

Auguri di cuore, don Renato: che ogni giorno la Sua vita possa essere un partire nuovo all’incontro, un camminare con tenacia, anche se si trovano fragilità. Le sia data la grazia di seminare in ogni stagione e di essere Lei stesso campo seminato dai fratelli, dalla loro storia, dai loro talenti e dal progetto di Dio per ciascuno.

Buon compleanno.

Un abbraccio fraterno.

La Chiesa che è in Belluno Feltre