In viaggio incontro a papa Luciani

Diario dal pellegrinaggio a Roma

dal 26 al 28 settembre

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Sabato 28 settembre

La méta è stata raggiunta, la sosta ha raccolto e accolto le intenzioni sgorgate dal cuore di noi pellegrini. Papa Luciani ha senz’altro volto lo sguardo verso la sua gente, verso la comunità diocesana che gli ha dato i natali e che ha servito nelle varie forme del ministero. Al termine della celebrazione – presieduta dal Vescovo presso le Grotte vaticane e concelebrata da don Luigi Calvi, don Moreno Baldo e don Fabiano Del Favero (che scrive) – noi pellegrini abbiamo avuto modo di riempire gli occhi della bellezza di San Pietro.

Ora siamo partiti, eccoci lungo il cammino, eccoci rientrare verso il quotidiano…la santità? È certamente a Roma, ma nel cuore vorremmo fosse anche in mezzo a noi, nelle nostre famiglie, nelle aule di scuola, nei luoghi della sofferenza e del volontariato, nei nostri ambienti parrocchiali…in quell’ “oggi” condiviso da un montanaro divenuto successore di Pietro: Albino Luciani.

 

 

Venerdì 27 settembre

Le aspettative sono state senz’altro alimentate dal capogruppo e dalla bravissima Elena. Ora il tramonto tinge Roma, mentre noi pellegrini viviamo ancora una volta il desiderio sperimentato da molti nel corso dei secoli: giungere al cuore della predicazione di Pietro, dei nostri primi fratelli e sorelle di fede che hanno fecondato di germi di Vangelo questi luoghi. Viterbo… Caprarola… non sono più stasera luoghi sconosciuti, ma tasselli della grande storia andati a intersecarsi con la biografia di ciascuno di noi e del nostro gruppo in cammino. Viterbo: città dove le contraddizioni ed i limiti umani non hanno fatto perdere smalto alla santità della Chiesa attraverso i suoi figli più umili. Caprarola, dove palazzo Farnese dona lustro ad un borgo d’impianto medievale che offre il dono dello sguardo di oggi a ieri. Sì, il tramonto si sta offrendo ai nostri sguardi, l’ Urbe ci attende! Peccatrice e santa, dove storie degli uomini sono state e sono strumenti singolari nelle abili mani del Creatore. E papa Luciani ne è parte!

 

Giovedì 26 settembre

Prende il via oggi, 26 settembre, il pellegrinaggio diocesano presieduto dal vescovo Renato per commemorare il 41esimo anniversario della morte del nostro papa Albino Luciani.
Tre i presbiteri presenti con altri 47 pellegrini provenienti da ogni angolo della nostra diocesi stanno donando a questa esperienza volti e storie, sfumature di umanità. Nel primo pomeriggio, la prima tappa del nostro viaggio con sosta a Bolsena, sulle rive dell’omonimo lago: un dono per gli occhi! A sera, dopo la visita guidata, la celebrazione eucaristica nella basilica di s. Cristina cui si è unito pure un piccolo gruppo di pellegrini brasiliani. Ora, giunti a sera e un po’ stanchi, non resta che attendere le bellezze che il nuovo giorno ci offrirà!