Due minuti per i parroci su RadioPiù

In tempo di epidemia, si intensifica la collaborazione dell'emittente di Taibon con le parrocchie dell'Agordino

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

È un’emittente radiofonica che da decenni tiene compagnia agli agordini in ogni loro ambito lavorativo e di svago: si tratta di Radio Più, con sede a Taibon, il cui palinsesto spazia su varie tematiche, dando così “voce” alle varie realtà del territorio. Mirko Mezzacasa ne è l’appassionato fondatore e direttore, capace di avvalersi di molteplici voci che vanno a comporre un mosaico decisamente interessante.

Negli ultimi anni, Mirko ha avviato una feconda collaborazione con la nostra realtà religiosa, riconoscendone il propositivo tessuto di relazioni. Un accenno per tutti: la trasmissione dall’arcidiaconale di Agordo delle Messe di Natale e di Pasqua, oppure quella per i caduti della montagna, appuntamento molto sentito in tutta la vallata, capace di toccare corde delicate e di elevare lo sguardo.

In questo tempo così singolare che stiamo vivendo, la radio tiene compagnia a molti, con proposte ancor più interessanti e variegate. La domenica, don Francesco Silvestri o don Cesare Larese offrono il loro spunto di riflessione a partire dal brano evangelico proposto. Nei fine settimana, il parroco di Rivamonte e dintorni offre alla propria gente alcuni video, che vengono puntualmente caricati sul sito dell’emittente agordina.

Ebbene, proprio da questo scambio e dall’intuizione dei due sacerdoti di Agordo e dintorni, nei giorni scorsi è nata l’occasione di un saluto da rivolgere agli ascoltatori da parte dei propri preti… prima della Conca e poi allargando la proposta ai confratelli dell’Agordino e di Livinallongo.

Così, giorno dopo giorno, alle 7.30 del mattino e alle 19.30 della sera, Radiopiù fa giungere nelle case degli agordini in valle e fuori (già è arrivata una telefonata di apprezzamento anche dall’Alpago) un pensiero e un saluto da parte dei vari preti che prestano il loro ministero sul territorio.

Che dire? Ogni circostanza aguzza l’ingegno.