Testi delle Messe rituali e delle Messe per varie necessità

Il Messale Romano: varietà nell’ultima sezione

Continua la presentazione dei contenuti del nuovo Messale Romano

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La presentazione dei contenuti del nuovo Messale Romano, che sarà consegnato alle comunità della Chiesa in Italia probabilmente nella prossima primavera, si conclude con la rassegna sugli ultimi capitoli del libro. E’ una parte consistente, di circa quattrocento pagine, con un interessante varietà di sezioni, che presenterò in più contributi. E’ forse la parte meno nota ed anche, con qualche eccezione, la meno utilizzata.

Le Messe rituali

E’ la parte del Messale che contiene i testi di preghiera (testi eucologici) che vengono proposti per le sante Messe celebrate in occasione della amministrazione del sacramenti o di altri eventi rituali nella comunità cristiana. Anche solo il semplice elenco richiama la varietà delle proposte. Accanto ai testi da pregare ci sono alcune indicazioni (“rubriche”, stampate con il colore rosso) che suggeriscono alcune modalità celebrative.

Il capitolo inizia con le proposte “Nella celebrazione dei sacramenti dell’Iniziazione cristiana”. Le singole celebrazioni di questa parte: per l’elezione o iscrizione del nome; per gli scrutini battesimali; per il battesimo; per la confermazione; per la Messa di prima comunione. Seguono i testi per l’unzione degli infermi e per il viatico, cioè la celebrazione della Messa con la comunione a un infermo nella sua abitazione.

Una parte è dedicata agli ordini sacri, con i testi eucologici per l’ordinazione del vescovo, o dei presbiteri o dei diaconi. Concludono la celebrazione dei sacramenti le proposte dei testi per il matrimonio. Vengono presentati diversi schemi. Non raramente, nella preparazione della celebrazione, viene suggerita agli sposi che lo desiderano la scelta del formulario più rispondente alla loro sensibilità religiosa e con le espressioni che meglio esprimono il significato della loro scelta.

Il capitolo prosegue con testi riguardanti ritualità riferite alla vita religiosa: per la benedizione abbaziale; per la consacrazione delle vergini; per la professione religiosa (con i tre momenti possibili: prima professione, professione perpetua, rinnovazione dei voti). Concludono questo capitolo le Messe per la istituzione dei lettori e degli accoliti (ministeri ordinati nella Chiesa) e per la dedicazione di una chiesa o di un altare.

Messe e orazioni per le varie necessità

Riporto questa parte del capitolo “Messe rituali”, perché presentano oltre che una variegata e ricca proposta per la celebrazione delle sante Messe in particolari circostanze, anche proposte da utilizzare in occasione di incontri di preghiera. La creazione di testi da parte di preti e fedeli laici, può essere guidata dai contenuti delle preghiere riportate nel Messale. Ne elenco i titoli per presentare quella varietà alla quale sopra accennavo. Tre sono le sezioni.

I. Per la Chiesa. Ogni titolo indica una S.Messa per intenzioni particolari: per la chiesa; per il papa; per il vescovo; per l’elezione del papa o del vescovo; per un concilio o un sinodo; per i sacerdoti; per il sacerdote che presiede; per i ministri della Chiesa; per le vocazioni agli Ordini sacri; per i laici; per l’anniversario di matrimonio; per la famiglia; per i religiosi o le religiose; per le vocazioni alla vita religiosa; per la concordia; per la riconciliazione; per l’unità dei cristiani; per l’evangelizzazione dei popoli; per i cristiani perseguitati; per una riunione spirituale o pastorale.

II. Per la società civile. Ecco i titoli delle singole Messe: per la patria o la comunità civile; per le autorità civili; per una assemblea di governanti; per il Presidente della Repubblica; nei primi giorni dell’anno civile; per la santificazione del lavoro; nel tempo della semina; dopo il raccolto; per il progresso dei popoli; per la pace e la giustizia; in tempo di guerra o di disordini; per i profughi e gli esuli; per i migranti; in tempo di fame o per quanti soffrono la fame; in tempo di terremoto; per chiedere la pioggia; per chiedere il bel tempo; contro le tempeste.

III: per le diverse necessità. Diverse sono le intenzioni per le quali sono proposti testi di preghiera. Per la remissione dei peccati; per chiedere la castità; per chiedere la carità; per i parenti e gli amici; per coloro che ci affliggono; per i prigionieri; per i carcerati; per gli infermi; per i moribondi; per chiedere la grazia di una buona morte; per qualunque necessità; per il rendimento di grazie.

Questa parte del Messale sarà riscoperta ed utilizzata con sicuro vantaggio pastorale e spirituale.

Giuliano Follin (continua)