Lunedì 25 febbraio a Cavarzano

Incontro dei pro-vicari foranei

All'ordine del giorno la collaborazione fra parrocchie

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lunedì 25 febbraio presso i locali della parrocchia di Cavarzano si è tenuto l’incontro dei pro-vicari foranei della diocesi con il Vescovo e il Vicario generale. L’incontro ha avuto come unico tema la questione della collaborazione fra parrocchie, che diventa sempre più essenziale nell’attuale contesto socio-culturale e soprattutto nel quadro del cammino che stanno vivendo le Chiese in Italia, per corrispondere in modo più adeguato a una “pastorale della missione”.

Dopo che il Consiglio presbiterale ha espresso il proprio parere favorevole, il Vescovo ha dunque presentato ai pro-vicari una prima bozza, da rivedere e modificare, che parte dall’attuale situazione, in cui molte parrocchie già operano insieme avendo lo stesso parroco e spesso lo stesso Consiglio pastorale, e prospetta una collaborazione molto più ampia, in modo da arrivare ad avere non più di una trentina di raggruppamenti di parrocchie in tutta la diocesi, in ognuno dei quali – secondo anche le indicazioni del Consiglio presbiterale – i presbiteri saranno più di uno. Nei prossimi anni crescerà nell’ambito di ogni raggruppamento la collaborazione a vari livelli fra tutte le comunità e se ne terrà quindi conto pure nei cambiamenti dei preti. Questa è stata vista anche dai pro-vicari come strada per vivere il Vangelo e la vita cristiana oggi nelle nostre comunità, pur rimanendo tutte le prerogative soprattutto amministrative di ogni singola parrocchia.

Si cercherà ora di sensibilizzare a ciò in ogni convergenza foraniale della diocesi, a partire dagli incontri del “coordinamento foraniale”, che si terranno in marzo con l’elezione del delegato foraniale e di un secondo rappresentante laico nel Consiglio pastorale diocesano. Quindi verranno coinvolti lo stesso nuovo Consiglio pastorale diocesano e i vari Consigli pastorali parrocchiali. Importante però, è stato sottolineato nell’incontro tra pro-vicari e vescovo, è partire subito con questa mentalità e con tutti i passi possibili.