Il prossimo 8 giugno l’iniziativa arriva alla terza edizione

La “lunga notte” delle chiese

Contemporaneamente 7 regioni d’Italia, 16 diocesi e oltre 40 chiese aperte

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Giunge alla sua terza edizione “La Lunga Notte delle Chiese”, la prima notte bianca a svolgersi all’interno dei luoghi di culto della città, in cui si fondono insieme cultura, arte, musica, teatro, in una chiave di riflessione e spiritualità. Nata nel 2016 nella diocesi di Belluno-Feltre ad opera dell’associazione di promozione sociale “Bellunolanotte” e ispirata all’omonimo format austriaco “Lange Nacht der Kirken”, in questi due anni ha visto una notevole crescita e partecipazione.

Venerdì 8 giugno 2018 saranno ben 16 le diocesi italiane a partecipare, anche all’estero. Tutto con ingresso libero. La collaborazione è con i Vicariati alla Cultura, gli Uffici di Arte Sacra e Beni Culturali, le Pastorali Giovanili e il Patrocinio del Pontificio Consiglio della Cultura.

Un’occasione per tutti, credenti e non credenti, per partecipare a un evento suggestivo e coinvolgente, perché in questa occasione sarà possibile visitare i luoghi sacri delle nostre città in una veste sicuramente originale. Diverse saranno le iniziative e i programmi organizzati: musica, visite guidate, mostre, teatro, letture, momenti di riflessione e tanto altro, ad opera di molte associazioni coinvolte. L’obiettivo è quello di coinvolgere la chiesa nella vita sociale della città, per dare un segno di contemporaneità e di presenza nella comunità.

In particolar modo nella nostra diocesi di Belluno-Feltre apriranno le porte per questa iniziativa sei chiese: a Belluno la Chiesa della B.V. di Loreto, Santo Stefano, Duomo, San Rocco, a Sedico la chiesa dei santi Gervasio e Protasio e ad Auronzo Santa Giustina Vergine e Martire.

Con una sorpresa all’estero! Aderiscono anche alcune parrocchie in Sud America grazie alla collaborazione dell’associazione “Bellunesi nel Mondo” che ha condiviso l’invito a partecipare alle famiglie dei bellunesi emigrati: saranno Brasile e probabilmente anche l’Argentina ad unirsi. Tantissime piccole luci nella notte si accenderanno, a testimoniare l’unione dei luoghi di culto nel mondo.

Altro tassello aggiunto in questa terza edizione, è la creazione del sito internet ufficiale dell’evento: www.lunganottedellechiese.com che contiene tutte le informazioni, i luoghi di culto aperti con una breve scheda descrittiva e il programma della serata. È già disponibile on-line, e in continuo aggiornamento.

Stefano Casagrande, coordinatore dell’evento, commenta: «Devo dire che sono molto contento di quanto la Lunga Notte si stia ampliando anno dopo anno e credo che potremmo aggiungere moltissimo alle prossime edizioni, rendendo questo evento ancora più internazionale e senza confini. Per ogni seme gettato in un territorio, l’anno dopo si moltiplicano le parrocchie che decidono di aderire. È un bellissimo segnale di partecipazione, di unione. Come pubblico ci aspettiamo famiglie, bambini ma anche tantissimi giovani appassionati di arte e cultura che, tra l’altro, saranno coinvolti attivamente durante l’intera giornata.

Altra considerazione importante è che grazie alla diffusione di questo evento in molte regioni d’Italia, “Bellunolanotte” si sta facendo conoscere ed apprezzare a livello nazionale, permettendoci di uscire dai confini prettamente provinciali. Un notevole passo avanti, che dimostra la capacità dell’associazione di operare su larga scala, in rete con molti partner».