Si celebra dal 18 al 25 gennaio

Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani

"Cercate di essere veramente giusti”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Una preghiera unita in un mondo frantumato. Si celebra dal 18 al 25 gennaio la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, sul tema «Cercate di essere veramente giusti”. «In tutto il mondo – questa la presentazione della Settimana, preparata per tutto il mondo dalle comunità cristiane dell’Indonesia – come cristiani, ci riuniamo in preghiera per crescere nell’unità. Lo facciamo in un mondo in cui la corruzione, l’avidità, l’ingiustizia causano disuguaglianza e divisione». I cristiani indonesiani riconoscono, però, che per le comunità e i singoli il passaggio nel mondo non è sempre stato indenne e che gli stili del mondo sono entrati nelle Chiese: «Ciò nonostante, come singoli e come comunità siamo spesso complici di ingiustizie, laddove, invece, come cristiani siamo chiamati a rendere una testimonianza comune in favore della giustizia, e a essere uno strumento della grazia guaritrice di Dio in un mondo lacerato”. Il motto della Settimana di preghiera appella quindi a un duplice livello: riconoscere che i cristiani hanno operato comportamenti ingiusti nei confronti del mondo e della realtà: «le comunità cristiane diventano consapevoli della loro unità quando convergono in una comune attenzione e una comune risposta a una realtà di ingiustizia. Nel contempo, a fronte di queste ingiustizie siamo obbligati, come cristiani, a esaminare i modi in cui possiamo essere stati coinvolti in queste forme di ingiustizia». A un livello più profondo, riconoscere che la vera giustizia viene da Dio. A un terzo livello, il motto interpella le chiese sul nesso tra ingiustizia e divisione dei cristiani; scrive ancora il testo di presentazione preparato dai cristiani indonesiani: «così come l’ingiustizia ha fomentato la divisione che ha deteriorato la società indonesiana, ha anche alimentato le divisioni nella Chiesa. Ci pentiamo dell’ingiustizia che causa divisioni, e come cristiani crediamo anche nella potenza di Cristo che perdona e guarisce. E così, ci troviamo uniti sotto la croce di Cristo, invocando sia la sua grazia per combattere l’ingiustizia, che la sua misericordia per i peccati che hanno causato la nostra divisione».

Dal tema «Cercate di essere veramente giusti» scaturiscono anche i temi per ogni giorno della settimana; venerdì 18 gennaio: «Il diritto scorra come acqua di sorgente» (Amos 5,24); sabato 19 gennaio: «Semplicemente, dite ‘sì’ quando è ‘sì’ e ‘no’ quando è ‘no’» (Matteo 5,37); domenica 20 gennaio: «Il Signore è bontà e misericordia con tutti» (Salmo 145[144],8); lunedì 21 gennaio «Contentatevi di quel che avete» (Ebrei 13,5); martedì 22 gennaio: «Portate il lieto messaggio ai poveri» (Luca 4,18); mercoledì 23 gennaio: «Il suo nome è: il Signore dell’universo» (Geremia 10,16); giovedì 24 gennaio: «O donna, davvero la tua fede è grande!» (Matteo 15,28); venerdì 25 gennaio, «Il Signore è mia luce e mia salvezza» (Salmo 27[26],1).

A Belluno-Feltre

  • venerdì 18 si tiene il canto dei Vespri in rito bizantino con le parrocchie ortodosse rumene; presiede il vescovo Renato Marangoni (Belluno – Mussoi, ore 20.30).
  • Sabato 19, una preghiera ecumenica nella sede della comunità evangelica «Nuova Pentecoste» (Sedico, via Cal de Messa, ore 17.30).
  • Venerdì 25, un incontro pubblico sul tema «Il dialogo ecumenico fra identità e unità”, con Gregorio Piaia, docente emerito all’Università degli studi di Padova; organizza il Gruppo Sae «Monsignor Emilio Zanetti” (sala parrocchiale di Belluno – S. Maria di Loreto, ore 16.00).

don Giuseppe Bratti