Ufficio di pastorale della missione

Appuntamenti dell'Ufficio

Direttore

don Augusto Antoniol
Centro Giovanni XXIII
Piazza Piloni, 11 – 32100 Belluno
0437 940594
ud.missione@chiesabellunofeltre.it

 

Vicedirettore
don Ezio Del Favero

Segretario
José Soccal

Formatrice
Chiara Zavarise

Membri
don Luigi Canal
Ugo Chinol
Francesca Conte
Daniela Dametto
don Vito De Bastiani
Linda Gaio
Marilena Marchioni
Andrea Mazzucco
Giuliana Poletti
Giovanna Selle

È inoltre attivo un gruppo di volontari che collabora a diversi livelli.

Compito del Centro Missionario è:

  • accendere ed alimentare il fuoco della missione nella chiesa locale;
  • coltivare il rapporto con i nostri missionari per un sostegno e uno scambio fecondo di esperienze.

In diocesi:

  • Formazione: Gruppi in parrocchie –scuole; Formazione alla mondialità, ai nuovi stili di vita; Preparazione dei giovani per esperienze brevi in missione; Veglie di preghiera missionaria; Produzione e pubblicazione di materiale informativo e formativo (Amico del Popolo, TeleBelluno, Notizie..)
  • Animazione Missionaria: Mese di ottobre e Giornata Missionaria Mondiale (GMM); Quaresima (“un Pane per Amor di Dio”); Organizzazione di incontri con i missionari rientrati in Italia per un breve periodo di riposo o con testimoni attivi nel mondo missionario.
  • Accompagnamento e sostegno ai nostri preti fidei-donum
  • Collaborazione con altri Uffici Pastorali della diocesi su temi comuni

Fuori diocesi:

  • Corrispondenza, sostegno e visita ai missionari (di qualsiasi istituto) originari della diocesi
  • Progetti di sostegno all’opera dei nostri missionari nei Paesi in cui vivono
  • Rapporto con i Centri Missionari del triveneto e partecipazione a convegni ed eventi nazionali di Missio.

«Usciamo, usciamo ad offrire a tutti la vita di Gesù Cristo. Ripeto qui […] che preferisco una Chiesa accidentata, ferita e sporca per essere uscita per le strade, piuttosto che una Chiesa malata per la chiusura e la comodità di aggrapparsi alle proprie sicurezze […] Se qualcosa deve santamente inquietarci e preoccupare la nostra coscienza è che tanti nostri fratelli vivono senza la forza, la luce e la consolazione dell’amicizia con Gesù Cristo, senza una comunità di fede che li accolga, senza un orizzonte di senso e di vita» (Evangelii Gaudium 49).