Un inizio di Quaresima 2020 originale

La dimensione più personale e familiare sarà la sua caratteristica

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La situazione sociale creatasi con le norme emanate in relazione alla emergenza sanitaria in Veneto ci chiede di vivere un inizio di Quaresima diverso dal solito. I vari sentimenti che possono scaturire da queste norme è auspicabile che si trasformino in sensazioni e atteggiamenti positivi. In ogni caso non impediscano a singoli e comunità di vivere questo inizio di un Tempo Liturgico che da sempre caratterizza l’esperienza religiosa cristiana nelle nostre parrocchie.

Dalla Liturgia comunitaria all’esperienza personale e familiare

L’impossibilità di vivere insieme le celebrazioni liturgiche previste nel Mercoledì delle Ceneri e nella Prima Domenica di Quaresima ci suggerisce di sperimentare un’esperienza di preghiera personale o familiare forse per tanti nuova. È da ricordare però come ogni domenica non poche persone sono impossibilitate a partecipare ai riti liturgici comunitari. Pensiamo in particolare a chi è bloccato dalla malattia o dagli acciacchi della età avanzata. Queste persone hanno vissuto forme alternative di preghiera personale in comunione con la propria comunità parrocchiale, alla quale erano legati da forti vincoli religiosi.

La visione del Rito religioso alla televisione o l’ascolto alla radio è sicuramente uno dei modi più utilizzati. I canali sia pubblici che privati, nazionali o locali, trasmettono in diversi orari le Messe festive. TV2000 trasmette (canale 28) anche alcune celebrazioni papali. Si potrà così seguire il Rito del giorno delle Ceneri celebrato dal Sommo Pontefice.

La lettura dei testi della Liturgia della Parola del giorno è un modo, utilizzato anche nei giorni feriali da molti cristiani, per vivere la dimensione religiosa del proprio tempo.

In questi due giorni di sospensione dei riti liturgici comunitari nelle chiese sarà possibile, per i singoli e le famiglie, procurarsi i testi della Parola di Dio. Leggerli e commentarli con una piccola, ma significativa liturgia domestica-familiare sarà un modo efficace di ricevere il dono del Signore che è la sua parola.

Diversi sono i modi per avere i testi. Accanto ai libretti mensili o ai messali quotidiani, ci sono i siti religiosi che ogni giorno li offrono ai loro utenti. Tra questi ricordo quello della Chiesa Cattolica Italiana al link “Liturgia del giorno” oppure lachiesa.it.

Gli orari delle celebrazioni sui diversi canali e i testi delle Letture sacre sono riportate da alcune riviste a carattere religioso. Alcuni parroci hanno già deciso di mettere a disposizione dei fedeli alla porta della Chiesa i foglietti liturgici diocesani con tutta la celebrazione, sia del Mercoledì delle Ceneri che della Prima domenica di Quaresima.

Per il rito delle Ceneri, molto sentito da tanti cristiani, segno forte dell’inizio del cammino penitenziale, qualche parroco sta valutando la possibilità di effettuarlo appena la possibilità celebrativa comunitaria sarà ripristinata. Sarà comunque da tutti vissuto nel suo significato spirituale e di richiamo-invito, pur nella impossibilità o decisione di non realizzarlo concretamente.

Altri sussidi per l’inizio della Quaresima

Potrebbe essere utile leggere individualmente o in famiglia il Messaggio del Papa per la Quaresima 2020 dal titolo: «Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio» (2Cor 5,20). Gli spunti di riflessione che papa Francesco offre indicano una strada percorribile per l’itinerario quaresimale.

L’Ufficio Missionario Diocesano ha fatto poi recapitare in tutte le parrocchie un sussidio abbinato anche alla iniziativa “Un Pane per Amor di Dio”. La pagina quotidiana si articola in cinque punti: “Ascoltiamo la Parola”, “per riflettere”, “esperienza dalle Missioni”, “frase del missionario”, “preghiamo insieme”. Il sussidio (scaricabile da questo link) presenta anche indicazioni per vivere la nostra tradizionale iniziativa quaresimale “Un pane per Amor di Dio”. All’inizio del tempo liturgico può diventare impegno preso insieme dalla famiglia riunita in questa occasione per la preghiera domenicale.

L’invito incoraggiante del Vescovo

Riporto le parole finali del secondo messaggio del vescovo Renato alle nostre Comunità (Il testo completo si trova sul sito diocesano). «La situazione che stiamo vivendo in questi giorni ci spinge all’autenticità della nostra preghiera e, anche, di qualche gesto penitenziale. Nei momenti di prova la preghiera a livello personale o domestico può farsi più intensa e più motivata. Sentiamoci in comunione profonda, in particolare, con chi è più a disagio e con chi sta vivendo questo momento con timore e sofferenza. Sosteniamo coloro che si stanno prodigando per superare questa condizione di emergenza… Nelle nostre comunità ci sia quella vigilanza che ci fa portare insieme i pesi gli uni degli altri. Come anche vorremmo fare nostra la preghiera del salmo 102 che abbiamo elevato nella celebrazione dell’Eucaristia di domenica scorsa: «Benedici il Signore, anima mia, non dimenticare tutti i suoi benefici. Egli perdona tutte le tue colpe, guarisce tutte le tue infermità, salva dalla fossa la tua vita, ti circonda di bontà e misericordia».

(continua)

Giuliano Follin