La messa "in Cena Domini"

Attingere al gesto di Gesù

Seguire l’esempio di Gesù che ha amato i suoi fino alla fine cominciando dai piedi

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Attingere alla pienezza di vita e di amore di Gesù, che poi vuol dire essere pienamente felici. Questo uno dei concetti guida dell’omelia pronunciata dal vescovo Renato durante la Messa “in cena Domini” nella sera del giovedì santo, in cattedrale a Belluno.

Siamo qui a mendicare – ha sottolineato il Vescovo – facendo presente che la storia umana è sempre una grande attesa di liberazione.

Ma come partecipare alla pienezza della vita e dell’amore? Accostandosi all’Eucaristia, mangiando il corpo di Gesù, bevendo il suo sangue, seguendo il suo esempio, l’esempio di amare i suoi fino alla fine, cominciando dai piedi. È quello – ha sottolineato il vescovo Renato – che ha fatto papa Francesco con i rappresentanti del Sud Sudan, obbedendo all’invito di Gesù che svuotò se stesso.

Ogni bacio ai piedi di Gesù è una goccia di pace per la terra, ha concluso il Vescovo, augurandosi che ci possano essere anche oggi tante gocce di pace. [CA]

 

Leggi l’omelia del vescovo Renato