Archivi della categoria: Un’omelia della Domenica

A cura di don Alessandro Coletti (29ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Desideri profondi e desideri da purificare

Non vergogniamoci dei nostri desideri, lasciamo che sia lui a purificarli e farli maturare

Non so che sentimenti ha suscitato in te la pagina di Vangelo di questa domenica? Secondo me, ci può lasciare più sereni, più impegnati e più fiduciosi… Più sereni, perché vediamo che le nostre fragilità, le nostre miserie sono state anche quelle degli Apostoli. Anche i discepoli, questi uomini straordinari e, per molti versi, straordinariamente fortunati che hanno passato qualche anno a stretto contato con … Continua a leggere Desideri profondi e desideri da purificare »

A cura di don Alessandro Coletti (28ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Per che cosa vogliamo giocarci la vita?

Le ricchezze sono utili, a volte sono indispensabili, ma non dobbiamo dimenticare mai che sono strumenti

Tutti noi abbiamo fatto l’esperienza, magari facendo una gita in montagna, di dover passare un fiumiciattolo o un torrente. Non c’è un ponte, ma non voglio bagnarmi i piedi o rischiare di scivolare. Il trucco lo conosciamo: butto delle pietre un po’ grandi in mezzo all’acqua e camminando o saltando su questi sassi passo tranquillamente dall’altra parte. Quelle pietre mi sono servite, sono state importanti… … Continua a leggere Per che cosa vogliamo giocarci la vita? »

A cura di don Alessandro Coletti (27ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Non perdere il gusto di guardare in alto

«Non perdiamo la speranza a causa dei nostri limiti, ma neppure rinunciamo a cercare la pienezza di amore»

Letture impegnative anche questa domenica. Parole chiare, dirette di Gesù che sono difficili da accogliere nella nostra vita e che perciò siamo tentati di addolcire o di dimenticare rapidamente. Alcuni farisei vogliono portare Gesù in una disputa cavillosa su quando sia lecito il ripudio; una lista dettagliata di casi, di cause, di distinzioni; i rabbini discutevano per ore: “In questo caso sì, in questo caso … Continua a leggere Non perdere il gusto di guardare in alto »

A cura di don Alessandro Coletti (26ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Non chiudersi e non scandalizzare

Non chiudersi agli altri, ma accogliere; non scandalizzare, ma aiutarsi in una vicendevole edificazione

Il Vangelo di oggi ci da due belle indicazioni per essere cristiani: diciamole subito e poi analizziamole insieme nel Vangelo. Le indicazioni sono: “non chiudersi” e “non scandalizzare”… Non chiudersi agli altri, ma accogliere. Non scandalizzare, ma aiutarsi in una vicendevole edificazione. I discepoli di Gesù vedono un uomo che caccia demoni nel nome di Gesù pur non essendo uno dei discepoli e subito i … Continua a leggere Non chiudersi e non scandalizzare »

A cura di don Alessandro Coletti (25ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Vale la pena servire?

Essere cristiani ci mette in una logica diversa da quella comune

Prima lettura ci pone di fronte un tema spinoso: la persecuzione del giusto. Spontaneamente ci chiediamo: ma perché il giusto, il mite, il credente sono perseguitati? Perché tante volte chi fa il bene viene ripagato con il male? La prima lettura ci dà la risposta: “Dissero gli empi: «Tendiamo insidie al giusto, che per noi è d’incomodo e si oppone alle nostre azioni; ci rimprovera … Continua a leggere Vale la pena servire? »

A cura di don Alessandro Coletti (24ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Una gradino alla volta per scoprire Dio

E noi a che livello siamo?

Il Vangelo di oggi ci presenta una domanda e tre passi, tre livelli di risposta… Possiamo chiederci: “Noi a che livello siamo?” “Chi dite che io sia?”. Pensate di interrogare i vostri vicini di casa: “Chi è Gesù per te?” Cosa risponderebbero? Penso riceveremmo tanti sguardi straniti e spaesati, imbarazzo, lunghi silenzi… E noi cosa risponderemmo? Pensate che Gesù venga da voi e vi chieda: … Continua a leggere Una gradino alla volta per scoprire Dio »

A cura di don Alessandro Coletti (21ª domenica del tempo ordinario - anno B)

A te la scelta

Seguire Gesù è impegnativo; chi non vuol fare fatica molla. Molti se ne vanno, lo abbandonano

Se dovessi dare un titolo alla riflessione di questa domenica che condivido con voi, sarebbe l’inizio di una canzone di una band vicentina a cui sono molto affezionato: “A te la scelta su chi sarai”. Prima lettura. Siamo alla fine di quel lunghissimo cammino che ha portato il popolo ebraico dalla schiavitù d’Egitto alla Terra Promessa. Hanno camminato per quarant’anni nel deserto, hanno combattuto e … Continua a leggere A te la scelta »

A cura di don Alessandro Coletti (Solennità dell'Assunzione di Maria)

Risorta in anima e corpo

«Vergine, anello d’oro del tempo e dell’eterno, tu porti la carne in paradiso e Dio nella nostra carne» (Turoldo)

C’era chi sosteneva e sostiene anche ora che Dio solo vale ed è importante. L’uomo, nel suo esistere e nel suo operare non vale niente! Noi invece crediamo in Maria Assunta. Potrebbe esserci qualcuno che mi risponde: “E allora? A me che importa?” Provo allora a rispondere a due interrogativi che magari sorgono: “Che cosa significa credere nell’Assunzione di Maria?” e “Cosa dice a noi … Continua a leggere Risorta in anima e corpo »

A cura di don Alessandro Coletti (19ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Dove trovo oggi il pane che Gesù mi vuole dare?

«Procuratevi non il cibo che perisce, ma quello che dura per la vita eterna».

Vi ricordate? Questo era il messaggio che ci ha consegnato Gesù nel Vangelo di domenica scorsa. Ora questo discorso continua e si approfondisce. Gesù fa così: ci invita a continuare a scavare nella nostra vita, a cercare sempre più a fondo il tesoro nascosto, il Signore ci invita a fare fatica… per lui. Nei giorni scorsi, con un gruppo di ragazzi del gruppo scout di … Continua a leggere Dove trovo oggi il pane che Gesù mi vuole dare? »

A cura di don Alessandro Coletti (18ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Un cibo che non perisce

Non basta il pane per sfamarci; l’uomo non si può sfamare con il solo benessere

Il Vangelo di oggi non può essere capito se non viene letto in continuità con quello di domenica scorsa: facciamo quindi un breve riassunto per chi si fosse perso la prima puntata. Gesù è apparentemente all’apice del successo. Lo seguono migliaia di persone: più di cinquemila. Ha sfamato quella folla enorme con cinque pani e due pesci e tutti lo seguono, addirittura vogliono farlo re. … Continua a leggere Un cibo che non perisce »

A cura di don Alessandro Coletti (17ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Vivere per far felice il prossimo

Mentre l’uomo ragiona secondo misura, Dio agisce secondo eccedenza

«Chi non vive per far felice il suo prossimo, non ha ancora cominciato a vivere». La frase non è mia, ma di Raoul Follerau. Non per tutti forse è un nome noto ma è un personaggio che vale la pena di conoscere. Nasce in Francia nel 1903 da una ricca famiglia di industriali, studia diritto e filosofia ma si mette in luce come brillante giornalista … Continua a leggere Vivere per far felice il prossimo »

A cura di don Alessandro Coletti (16ª domenica del tempo ordinario - anno B)

L’arte di prendersi cura

«...perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te»: per Dio, ciascuno di noi è un essere speciale

«Non bisogna avere paura di bontà e tenerezza»: così diceva papa Francesco in una delle sue prime omelie da pontefice. Ce lo insegna il Vangelo, ce lo dicono le letture di oggi. Dio è il buon pastore, colui che ama il suo gregge, conosce le pecore ad una ad una e le chiama per nome. I discepoli tornano da Gesù…. Questa prima esperienza di missione … Continua a leggere L’arte di prendersi cura »

A cura di don Alessandro Coletti (15ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Una vocazione a essere profeti

Il profeta è colui che guarda il passato, il presente, il futuro. Di profeti ce ne sono ancora… E ora tocca a noi

Vorrei fermarmi oggi un momento sulla prima lettura, presa dal libro del profeta Amos. Amos vive, nella prima metà dell’VIII secolo al tempo del re Geroboamo II. È un tempo di benessere e di prosperità, un tempo in cui economicamente si sta bene ma, come spesso accade, si creano anche forti squilibri sociali: a fianco di persone più che benestanti, a fianco di molti che … Continua a leggere Una vocazione a essere profeti »

A cura di don Alessandro Coletti (14ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Lasciarsi stupire da Dio ogni giorno

Dio non costringe i nazaretani a credere: li lascia liberi di convertirsi o di restare chiusi nei loro pregiudizi

Nel 433, due anni dopo il concilio di Efeso, i vescovi dell’Oriente cristiano firmarono un nuovo documento. Dopo una discussione talora anche aspra, bisognava chiarire la posizione di alcuni teologi che, mentre giustamente dichiaravano la divinità del Cristo, avevano però perso di vista la sua umanità. Fu la formula di unione: «Noi quindi confessiamo che il nostro Signore Gesù figlio unigenito di Dio, è perfetto … Continua a leggere Lasciarsi stupire da Dio ogni giorno »

A cura di don Alessandro Coletti (13ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Chiamati a vivere in pienezza

La risurrezione di una ragazzina e la guarigione di una donna affetta da una lunga e dolorosa malattia

Leggendo il Vangelo dobbiamo stare attenti ai numeri perché, di solito, non ci dicono solo una misura o una quantità ma hanno una valore importante. Oggi nel Vangelo torna due volte lo stesso numero ma poi nel racconto si rischia di non farci molto caso… Teniamolo presente: è il numero 12. Il Vangelo di questa domenica ci raccontano due fatti storici accaduti nella vita di … Continua a leggere Chiamati a vivere in pienezza »

A cura di don Alessandro Coletti (12ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Un Dio che si prende cura

Dio come una chioccia vuole raccoglierci sotto le sue ali

Pensate a una ragazza che a 12 anni rimane orfana della mamma, a 15 anni scappa di casa per entrare in convento contro la volontà del padre. A una quarantina d’anni, dopo più di venti da monaca, viene accusata di essere indemoniata: le viene vietata la solitudine e addirittura lo possibilità di fare la Comunione; pensate a questa donna che soffrirà sempre di problemi di … Continua a leggere Un Dio che si prende cura »

A cura di don Alessandro Coletti (11ª domenica del tempo ordinario - anno B)

Ripartiamo da un germoglio promettente

Tutto sembra perduto, invece al Signore basta un ramoscello, un virgulto che spunta dai rami

Un primo dato di fatto che già conosciamo, forse scontato, ma che il Vangelo oggi ribadisce: Gesù parlava in parabole. Molte grandi verità, molti insegnamenti, Gesù non li ha comunicati in modo diretto ma attraverso dei brevi racconti che spesso partivano dall’esperienza concreta della gente. Perché? Perché ha scelto di non esprimere direttamente quello che voleva dire, ma di usare l’intermediazione della parabole? Perché le … Continua a leggere Ripartiamo da un germoglio promettente »

A cura di don Alessandro Coletti (solennità del Corpus Domini - anno B)

Questo è il mio corpo offerto per voi!

Quando facciamo la comunione, diventiamo “uno con” Dio

«Prendete! Questo è il mio corpo», «Prendete questo è il mio sangue». È una frase che sentiamo ripetere a ogni Messa; ma fermiamoci. Pensiamoci su: ci crediamo veramente? Di fronte a questa affermazione le possibilità sono solo due: o siamo di fronte al più grande falso della storia dell’umanità, o siamo di fronte alla cosa più preziosa che Dio potesse donarci. Ma ancora di più: … Continua a leggere Questo è il mio corpo offerto per voi! »

A cura di don Alessandro Coletti (solennità della Santissima Trinità - anno B)

A immagine di Dio che è comunione

«Noi cristiani dobbiamo costruire la città nuova attorno alla fontana antica» (G. La Pira)

Un grande politico italiano morto nel 1977, Giorgio La Pira diceva che “noi cristiani dobbiamo costruire la città nuova attorno alla fontana antica”. Questa immagine mi pare ci aiuti a entrare nella solennità di oggi: la Trinità è la fontana antica attorno a cui costruire la nostra vita. Questa fontana ci precede, ha per noi tanti elementi sconosciuti, eppure ne abbiamo fatto l’esperienza (e i … Continua a leggere A immagine di Dio che è comunione »

A cura di don Ezio Del Favero (Domenica di Pentecoste - anno B)

Far ricordare il suo passaggio

«Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità»

I diciotto regali di mamma Elisa Elisa, originaria di Spresiano (Treviso), ha combattuto a lungo contro il male che l’aveva colpita. Ha sposato il suo Alessio in anticipo, avendo i due compreso che non restava molto tempo. Quando ha capito che non avrebbe mai visto crescere la sua bambina di appena un anno, ha deciso di trovare un modo per esserle comunque accanto: le ha … Continua a leggere Far ricordare il suo passaggio »