Archivi della categoria: Un’omelia della Domenica

A cura di don Ezio Del Favero (5ª domenica di Pasqua - anno B)

È sufficiente che l’amico esista

«Non vi chiamo più servi, ma vi ho chiamato amici»

L’amicizia tra Damone e Finzia Il filosofo greco Aristosseno (IV secolo a.C.) ci regala un racconto di vera amicizia. «Vi erano due giovani soldati, Finzia e Damone, seguaci del filosofo Pitagora. Giunti a Siracusa, non poterono non notare e biasimare il governo spietato di Dioniso. Finzia, quindi, decise di organizzare un colpo di stato attraverso il quale destituire il tiranno e instaurare una democrazia (pitagorica). Durante la … Continua a leggere È sufficiente che l’amico esista »

A cura di don Ezio Del Favero (5ª domenica di Pasqua - anno B)

Vite e tralci, bisogno reciproco

«Ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto»

La vite e la nascita dell’uva (Leggenda) – Molti anni fa la vite era una semplice pianta con riccioli e foglie. Cresceva al centro di un piccolo giardino e s’innalzava e si allargava più che poteva perché amava il sole. Riceveva tanta luce e i suoi rami si allungavano fino a coprire gran parte del terreno. Un giorno il contadino guardò quella pianta bella e … Continua a leggere Vite e tralci, bisogno reciproco »

A cura di don Ezio Del Favero (4ª domenica di Pasqua - anno B)

Il buon pastore dà la propria vita per le pecore

I martiri missionari sono spinti dall’amore a Dio e ai fratelli più poveri

La mia missione è difendere i deboli Fratel Elio Croce, missionario trentino, lo scorso 12 novembre è deceduto in Uganda all’età di 74 anni a causa del Coronavirus, dopo essere sopravvissuto all’epidemia di Ebola nel 2000. Il forte richiamo per le missioni gli era venuto ascoltando i missionari che arrivavano da terre lontane a Moena, nel cuore delle Dolomiti. Era approdato nella “Perla d’Africa” nel … Continua a leggere Il buon pastore dà la propria vita per le pecore »

A cura di don Ezio Del Favero (3ª domenica di Pasqua - anno B)

Lo riconobbero allo spezzare il pane

La storia del pane è immensa, ricca di sapienza, poesia, arte e fede

La Festa del Pane A Milano – in occasione di Expo 2015 “Nutrire il pianeta, energia per la vita” – il giorno della Festa del Pane hanno sfilato rappresentanti di vari Paesi del mondo con i pani delle loro tradizioni: la pita della Palestina (pane sottile e genuino), la focaccia del Principato di Monaco (con olio e origano), il naan del Bangladesh (grano, sale, zucchero … Continua a leggere Lo riconobbero allo spezzare il pane »

A cura di don Ezio Del Favero (2ª domenica di Pasqua - anno B)

Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto

Tommaso, come l’uomo moderno, vuol vedere e provare

Sono stato in cielo e Dio non l’ho visto! Durante la campagna antireligiosa sovietica, a Yuri Gagarin, primo uomo a volare nello spazio il 12 aprile 1961, è attribuita quest’affermazione: «Sono stato in cielo e Dio non l’ho visto!». Corsi di ateismo obbligatori, conferenzieri in tutti i villaggi per costringere il popolo ad abbandonare ogni fede, sterminati opuscoli ateistici… Ecco che Gagarin si offre come … Continua a leggere Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto »

Triduo pasquale: le omelie del Vescovo

Il Risorto è in ogni strada, si affianca a tutti, non ci lascia nelle nostre frustrazioni. Egli ci fa rialzare.

GIOVEDÌ SANTO Messa vespertina “nella Cena del Signore” Siamo sorpresi da quel «li amò sino alla fine». Gesù non può mollare: «sino alla fine». Celebriamo proprio questo nel Triduo pasquale. Noi solitamente conosciamo l’amore solo nel suo inizio o a metà, ma «sino alla fine» è possibile conoscerlo solo in quel Signore e Maestro che ha lavato i piedi ai suoi, inaspettatamente, con un gesto … Continua a leggere Triduo pasquale: le omelie del Vescovo »

A cura di don Ezio Del Favero (domenica di risurrezione)

L’uovo della Maddalena

«Maria di Màgdala si recò al sepolcro e vide che la pietra era stata tolta…»

L’uovo della Maddalena Dopo la morte e Risurrezione di Gesù, Maria di Màgdala (o Maddalena) – racconta una leggenda – approfittò della sua posizione per ottenere un invito a un banchetto dato dall’imperatore Tiberio. Quando incontrò l’imperatore, con un uovo nella mano, esclamò «Cristo è risorto!». L’imperatore rise e disse: «La risurrezione di Cristo è probabile quanto è possibile che il tuo uovo si tinga … Continua a leggere L’uovo della Maddalena »

A cura di don Ezio Del Favero (Domenica delle Palme - anno B)

Non è un muro, ma una porta

«Depose Gesù dalla croce e lo mise in un sepolcro»

La festa della riesumazione dei corpi In Madagascar si sta svolgendo una festa. Essendo gli stranieri benvenuti, ci avviciniamo incontrando alcune donne che portano dei cesti per distribuire il cibo ai partecipanti. È la festa “Famadihana”, cerimonia durante la quale i morti vengono riesumati dalle tombe (dopo 7 anni), avvolti in nuovi sudari di seta e nuove stuoie e portati in giro per il villaggio per … Continua a leggere Non è un muro, ma una porta »

A cura di don Ezio Del Favero (5ª domenica di Quaresima - anno B)

Il chicco di grano

«Se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto».

Primavera speranza Ciò che accade in natura, dove l’inverno prepara la primavera, accade nelle persone. Giuseppe Ungaretti: «Inverno. Come un seme il mio animo ha bisogno del lavoro nascosto di questa stagione». Se l’infanzia ha un valore umano così meraviglioso, è perché i genitori hanno seminato il meglio. Se una parola si presenta a un’altra persona e lascia un segno virtuoso, è perché qualcuno ha saputo … Continua a leggere Il chicco di grano »

A cura di don Ezio Del Favero (4ª domenica di Quaresima - anno B)

«Ho paura del buio!»

«Chiunque fa il male odia la luce; chi fa la verità viene verso la luce»: il Signore ci propone cammino di rinascita

Nero buio paura «Ho paura del buio!»: urlano i bambini di ogni epoca e sotto tutti i cieli. Nella simbologia, il nero è il colore del buio, della morte, del male, del mistero, del vuoto, del caos e delle origini, della falsità. I nostri antenati personificavano le forze oscure dalle quali si sentivano minacciati proiettando mostruose e maligne creature delle tenebre. Con la creazione di … Continua a leggere «Ho paura del buio!» »

A cura di don Ezio Del Favero (3ª domenica di Quaresima - anno B)

«Non fate della casa del Padre mio un mercato!»

L’urlo di Gesù contro la mercificazione va riferito a ogni sfera del sacro: non profanare Dio e la persona umana.

I luoghi sacri Sotto vari cieli e varie epoche, l’umanità ha individuato dei luoghi sacri, per esprimere e vivere il religioso, comunicare con il divino e mettersi alla sua presenza. Inizialmente, l’uomo ha visto in monti, rocce, strapiombi, boschi, caverne, acque, pietre, megaliti il manifestarsi e l’abitare della potenza divina. Poi, ai santuari naturali si sono aggiunti i santuari costruiti per ospitare la divinità, celebrare il culto e incontrarsi, … Continua a leggere «Non fate della casa del Padre mio un mercato!» »

A cura di don Ezio Del Favero - 2ª domenica di Quaresima (anno B)

«Gesù li condusse su un alto monte»

Non possiamo trascorrere la vita (spirituale) sulle vette; dobbiamo scendere per affrontare le valli

La montagna e i brillanti «Un cavaliere, dopo aver affrontato varie avventure rischiose, disse al suo commilitone: “Mi resta un’ultima impresa! Salire sul monte di Dio e sapere perché ci carica di fardelli per tutta la vita e non fa nulla per alleggerirli!”  L’altro rispose: “Dio sa quello che fa! Comunque verrò con te”. Al tramonto, attraversati sentieri ripidi e tormentati, i due giunsero presso … Continua a leggere «Gesù li condusse su un alto monte» »

1ª domenica di Quaresima - anno B

«Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto»

a cura di don Ezio Del Favero

Emozioni nel deserto I Tuareg, nomadi del deserto, dicono: «Dio ha creato le terre con i laghi e i fiumi perché l’uomo possa viverci. E il deserto affinché possa ritrovare la sua anima». Un viaggiatore occidentale racconta: «Le emozioni che si provano nel deserto vanno ben oltre alle sensazioni del caldo e del freddo. Sono sensazioni di calma, di tranquillità e di pace in netta … Continua a leggere «Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto» »

6ª domenica del tempo ordinario - anno B

«Se vuoi, puoi purificarmi!»

a cura di don Ezio Del Favero

«Sono una lebbrosa felice» Da 65 anni una donna originaria di un paesino dell’interno della Sardegna vive rinchiusa nel suo “castello”, il reparto per hanseniani di un ospedale di Cagliari, uno dei quattro centri italiani di riferimento per la cura della lebbra. La donna si trova in quel “lebbrosario” dall’età di diciassette anni e i suoi compagni di viaggio, con cui ha condiviso sofferenze, risate … Continua a leggere «Se vuoi, puoi purificarmi!» »

5ª domenica del tempo ordinario - anno B

«Gesù guarì molti, affetti da varie malattie»

a cura di don Ezio Del Favero

Febbraio: purificazione e fertilità Siamo nell’antica Roma. Il mese di febbraio indica la “purificazione” – dal verbo latino “februare” – e conclude l’anno: con il mese di marzo inizierà il nuovo anno, nuovo come la rinascita primaverile. “Februa” erano gli strumenti che servivano a purificare i corpi, il panno di lana con cui si bagnava il sangue delle vittime sacrificali, le focacce di farro tostato … Continua a leggere «Gesù guarì molti, affetti da varie malattie» »

4ª domenica del tempo ordinario - anno B

«Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!»

a cura di don Ezio Del Favero

Un uomo è disperato nero… La tradizione popolare è ricca di leggende che parlano del diavolo e della lotta atavica tra bene e male, Dio e il demonio. Una di queste leggende racconta: «Un povero padre di famiglia, disperato, una notte venne a patti con il diavolo, che gli disse: “Io ti faccio vivere trent’anni, pieno di ogni ricchezza, però quando muori l’anima me la … Continua a leggere «Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!» »

3a domenica del tempo ordinario - anno B

«Vi farò diventare pescatori di uomini»

a cura di don Ezio Del Favero

Il profumo oltre il mare In una leggenda giapponese si racconta di un pescatore che viveva solo in una capanna vicino al mare. La sua vita scorreva lenta e monotona, ma il suo animo era sereno e soddisfatto. Un giorno, come al solito, si era recato con la sua barca in un bellissimo posto dove, oltre a una ricca pesca, poteva deliziare il suo sguardo … Continua a leggere «Vi farò diventare pescatori di uomini» »

2a domenica del tempo ordinario - anno B

«Rabbì dove dimori?» – «Venite e vedrete»

a cura di don Ezio Del Favero

Sono andata e ho visto! Racconta una giovane: «Grazie a un viaggio missionario in Tanzania ho capito cosa voglia dire andare in un posto per vedere e non solo per guardare da turista. Serve tanto coraggio per lasciare la propria vita e immergersi in una realtà sicuramente più difficile, nella sofferenza giornaliera, nel dolore, nell’incertezza del domani! Ho imparato cosa voglia dire prendere coraggio e … Continua a leggere «Rabbì dove dimori?» – «Venite e vedrete» »

10 gennaio 2021 – Battesimo del Signore

In te mi sono compiaciuto

a cura di don Ezio Del Favero

Come una cerimonia d’iniziazione Penso all’Africa, come anche in varie tribù nel mondo, dove si svolgono dei riti che sanciscono il passaggio all’età adulta. Ad esempio, il rito d’iniziazione più importante nella società dei Kabye (Togo) è rivestito dall’“Evala”, una lotta rituale che segna il passaggio dei giovani maschi alla fase di maturità. L’Evala è un rituale complesso ed è costituito da una serie di … Continua a leggere In te mi sono compiaciuto »

Epifania del Signore

L’uomo, questo cercatore mai appagato

a cura di don Giorgio Aresi

Come vedi tutto è consueto In quest’ingorgo di vita e morte Ma mi rattristo, io sono lieto Di questa pista di voglia e sorte Di questa rete troppo smagliata Di queste mete lì da sognare Di questa sete mai appagata Di chi starnazza e non vuol volare (F.Guccini, Lettera, 1996) Qualcuno ha detto che i testi di Guccini dovrebbero entrare nei testi di letteratura delle … Continua a leggere L’uomo, questo cercatore mai appagato »