Una proposta del gruppo famiglie di Cavarzano

Family live, il secondo annuncio

Sabato 16 novembre alle 20.30 al teatro comunale di Belluno

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il gruppo famiglie di Cavarzano nasce nel 2015 per iniziativa di due/tre famiglie, incoraggiate dall’allora parroco don Francesco Soccol. Lo scopo era quello di far nascere un coro di giovani in parrocchia, ma presto arriva l’idea vincente: creare un coro di famiglie, dove cantassero i figli insieme ai genitori. Ben presto il gruppo cresce fino ad assestarsi stabilmente sopra la cinquantina di unità. Si anima qualche celebrazione in parrocchia e si fanno anche piccoli concerti per la comunità.

Il livello pian piano cresce, perchè con l’impegno si migliora, ma soprattutto si crea un bellissimo gruppo di famiglie che stanno bene insieme e si aiutano tra di loro. Si organizzano eventi collaterali e il cantare insieme è spesso un pretesto per stare insieme, in famiglia e tra famiglie.

All’inizio del 2019 nasce una nuova idea per cercare di coinvolgere ancora più persone ed evitare che qualche figlio cresciuto perdesse interesse: provare a mettere insieme un musical che parlasse di famiglia, valorizzando anche altre abilità di ragazzi e genitori quali il ballo, la recitazione, il suonare uno strumento. Così nasce “Family live, il secondo annuncio“: senza pretese di andare in scena, ma con il principale scopo di aggregare le famiglie. Il gruppo si allarga ulteriormente e raggiunge l’ottantina di persone.

Arriva l’invito da parte del Comitato “Gocce di Sole” di mettere in scena per la prima volta il musical, all’interno della rassegna del Comune sull’educazione “Voglio diventare grande“. Nonostante le difficoltà, in quanto famiglie, di ritrovarsi tutti insieme per le prove, si decide di accettare e cimentarsi in questa avventura.

Il musical del 16 novembre parlerà di famiglia declinata in tutti i suoi aspetti, dal punto di vista dei bambini a quello dei ragazzi, dalle famiglie appena formate ai nonni. Il tutto nell’ottica cristiana, non imposta ma delicatamente proposta. Reciteranno molti interpreti, da Ginevra, 8 anni, a Salvatore, 78. Accompagneranno dei canti interpretati da solisti, accompagnati dal coro delle famiglie. Un piccolo corpo di ballo di ragazzi danzerà sulle note dei canti. La band è formata da una chitarra solista, sei chitarre accompagnamento,  basso, pianoforte, tastiera, batteria e percussioni.