Giovedì 26 l'accoglienza a Candide

Don Luigi nuovo parroco in Comelico Superiore

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Giovedì 26 ottobre 2017 la comunità di Comelico Superiore ha accolto festosamente il nuovo parroco don Luigi Del Favero. Significativa già la dicitura dell’avviso / invito diffuso: «Le Parrocchie di Candide – Casamazzagno, Dosoledo e Padola invitano all’ingresso di don Luigi».

Tre parrocchie si sono presentate come una realtà unita perché erano già abituate ad avere un unico parroco nella persona di don Andrea Constantini, ora trasferito a Belluno – Cavarzano.

Il benvenuto cordiale del Sindaco sulla porta d’entrata della chiesa di Santa Maria Assunta di Candide ha voluto segnare un inizio di comunicazione amichevole e di collaborazione piena tra Comune e Parrocchia.

Il corteo d’ingresso nel presbiterio era formato da una lunga fila di chierichetti con le diverse livree portate dalle tre chiese. Hanno concelebrato col Vescovo numerosi parroci convenuti, alcuni anche da lontano. Alla preghiera allo Spirito Santo e alla presentazione del nuovo parroco ha risposto l’acclamazione del coro formato da cantori provenienti dalle tre comunità, che sono stati messi assieme per l’occasione, mentre il coro giovanile, con chitarre, ha eseguito qualche altro canto.

Il Vescovo ha commentato le letture del giorno feriale, ma non ha fatto a meno di esprimere riconoscenza a don Luigi per l’aiuto prezioso e i saggi consigli avuti da lui come vicario generale. A tutti ha fatto impressione la disponibilità e il coraggio dimostrati da questo prete, non  più giovanissimo, nel mettersi in gioco in una realtà nuova e impegnativa di montagna.

La folla, convenuta numerosa, ha espresso la sua accoglienza gioiosa con frequenti applausi, mentre un rappresentante delle tre parrocchie esprimeva a nome di tutti la volontà di lavorare in unità e di comune accordo, pur nella diversità propria di ognuno.

La preghiera dei fedeli è stata suggerita dai ragazzi ed ha espresso al meglio le invocazioni e anche l’augurio di tutti i presenti.

don Paolino Rossini