Le esequie di don Davide Girardi

Lunedì 10 febbraio alle ore 15.00 in Cattedrale a Belluno

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La salma di don Davide Girardi, morto improvvisamente i giorni scorsi, giungerà da Roma domenica pomeriggio, 9 febbraio, nella chiesa parrocchiale di Castellavazzo, sua parrocchia di origine; qui si terrà una veglia di preghiera, in suo suffragio, con la preghiera del Rosario, domenica sera alle ore 20.00.

Le esequie di don Davide saranno celebrate lunedì 10 febbraio alle ore 15.00 nella Basilica Cattedrale di Belluno.

Don Davide, nato il 25 gennaio 1975, aveva compiuto da pochi giorni i suoi 45 anni. La sua adesione al Signore Gesù è avvenuta nella parrocchia di Castellavazzo. Fu parte attiva del gruppo Gruppo scout Longarone 1, dove era amichevolmente chiamato “Girmi”: la sua vita scout è iniziata nel 1986 come lupetto; nel 1987 fu il primo del gruppo a passare tra gli esploratori e poi nel 1991 nel clan come rover. Nello scautismo molto ha avuto e molto ha dato: al termine del percorso educativo nel 1995 continuò il suo servizio come responsabile dei lupetti. Nel 2000 ottenne il brevetto di capo scout.

Nel frattempo era maturata la sua vocazione al ministero sacerdotale, che lo portò in Seminario a Belluno nel 1996, dopo alcuni anni universitari a Ferrara. Nel seminario bellunese frequentò i corsi di teologia. Venne ordinato presbitero a Roma il 1° novembre 2003 dal vescovo di Frosinone mons. Boccaccio. Il vescovo mons. Vincenzo Savio gli concesse di servire la nascente associazione “Nuovi orizzonti”, rimanendo incardinato nella nostra diocesi.

L’intera comunità diocesana e, in modo particolare, la parrocchia di Castellavazzo si uniscono nel dolore alla famiglia di don Davide, ai genitori Giovanni e Gaetana Caberlotto, alla sorella Ester e a tutti i congiunti, «con la risorsa pasquale della preghiera dove anche riversare i sentimenti di smarrimento, di dispiacere, di sofferenza interiore», come ha detto il Vescovo martedì scorso, annunciando l’improssiva morte del nostro caro presbitero.